• Contratto di affitto fittizio

    Pubblicità

    Contratto di affitto fittizio per stranieri

    Una pratica che si è diffusa anche in Italia è quella relativa alla stipulazione di un contratto di affitto fittizio per ottenere la residenza, i cittadini stranieri hanno infatti l’obbligo di iscrizione anagrafica qualora risiedano stabilmente nel territorio italiano. La presentazione di regolare contratto di locazione di un immobile, costituisce una condizione necessaria per gli immigrati di assicurarsi la regolarizzazione sul territorio nazionale, è necessario dimostrare di essere in possesso di una dimora stabile. Il legislatore ha stabilito che per ottenere la residenza anagrafica si deve risiedere in un ibbobile regolarmente, il requisito del domicilio è indipendente dalla tipologia di immobile: la natura dell’alloggio non costituisce una discriminante per poter procedere con l’iscrizione anagrafica. L’anagrafe ha il compito di evidenziare la presenza stabile sul territorio comunale dei soggetti stranieri, i quali spesso finiscono tra le maglie di figure losche che assicurano dei contratti di locazione di natura fittizia con lo scopo di assicurarsi la garanzia per ottenere la residenza. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.lenius.it/residenza-fittizia-virtuale/. Continue reading

    Published by:
  • Garanzia d’affitto fideiussione

    Garanzia d’affitto fideiussione

    Il soggetto sul punto di firmare un contratto di locazione può vedersi richiedere dal locatore una garanzia d’affitto come nel caso della fideiussione bancaria, che consiste in una forma di protezione che viene emessa dalla banca o da una compagnia assicurativa che tutelano il proprietario di casa dai rischi di insolvenza da parte dell’inquilino, ma solo per un determinato lasso di tempo coprendo una precisa somma di denaro. Si tratta di una garanzia non onerosa per l’inquilino, che non si troverà nella condizione di ricorrere a delle pratiche troppo costose di fideiussioni, mentre il proprietario può sentirsi protetto grazie ad una garanzia assoluta ed un pronto cassa che subentra in caso di morosità. Per poter proporre una completa tutela per entrambi i soggetti interessati, le fideiussioni devono coprire la durata del contratto di locazione ed un importo garantito compreso tra i 6 ed i 12 mesi.  Maggiori notizie si trovano su: https://www.idealista.it/news/forum/affitto/77797-come-funziona-la-fideiussione-sugli-affitti. Continue reading

    Pubblicità




    Published by:
  • Home staging per valorizzare le proprietà immobiliari

    Home staging per valorizzare le proprietà immobiliari

    I proprietari di casa possono servirsi di diversi strumenti che permettono di ridurre i tempi di vendita di un immobile senza abbassare la richiesta economica oppure di favorire la locazione, tra questi strumenti si è imposto anche in Italia l’home staging. Il termine si traduce letteralmente scomponenolo nelle due parole inglesi “home” (casa) e “stage” (palcoscenico) e consiste nel “mettere in scena” un bene immobiliare che così può essere mostrato al pubblico al massimo delle sue potenzialità. Questo intervento di marketing è stato inventato negli anni Settanta da Barb Schwarz, un’agente immobiliare americana che aveva capito l’importanza dell’allestimento di una casa in modo da fare una prima impressione positiva sin da subito sui potenziali acquirenti. Questo meccanismo di marketing ddi tipo immobiliare ha come obiettivo quello di promuovere la vendita oppure la locazione immobiliare cercando di sfruttare un breve lasso di tempo perché una rapida vendita offre alcuni vantaggi importanti: si ha la possibilità di risparmiare sulle tasse, sulle bollette e spese condominiali; non si deve abbassare il prezzo. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.idealista.it/news/etichette/cose-lhome-staging. Continue reading

    Published by:
  • Canone concordato agevolazioni fiscali

    Canone concordato agevolazioni fiscali

    Si ha la possibilità di poter beneficiare in caso di stipula di un contratto di affitto con canone concordato di specifiche agevolazioni fiscali, precisando che si tratta di contratti di locazione che vengono conclusi da locatori e conduttori in Comuni ad alta densità abitativa, tenendo conto degli accordi locali tra le organizzazioni di proprietà edilizia e le organizzazioni di conduttori. La parte contrattuale che concede un bene immobiliare in affitto e che sceglie il contratto a canone concordato può fruire delle seguenti misure vantaggiose tra cui una riduzione Irpef del 30%, del reddito imponibile derivante dalla proprietà affittata, nello specifico il corrispettivo annuo per determinare la base imponibile per determinare l’imposta proporzionale di registro pari al 70%. Nel caso in cui si applica la cedolare secca si possono ottenere anche degli sgravi fiscali, chi opta questo regime non deve farsi carico delle spese relative alle imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione, né deve pagare le imposte di registro e di bollo sulla risoluzione e sulle proroghe del contratto di locazione. Nel contesto del canone concordato l’aliquota della cedolare secca determinata sul canone fissato dalle parti è ridotta al 10 (normalmente è il 21%). Altre informazioni utili si possono reperire su http://www.50epiu.it/Home/Notizie/tabid/63/ID/2983/language/it-IT/Locazioni-a-canone-concordato-le-agevolazioni-fiscali.aspx. Continue reading

    Published by:
  • Giovani di età compresa tra i 20 e 30: detrazione per canone di locazione

    Giovani di età compresa tra i 20 e 30: detrazione per canone di locazione

    In base a quanto rivelato dall’Agenzia delle Entrate i giovani di età compresa tra i 20 e 30 anni hanno diritto ad usufruire della detrazione per canone di locazione prevista dalla Legge 9 dicembre 1998, n.43, in base a quanto dichiarato da tale documento questo sgravio fiscale può essere riconosciuto in caso di stipula di un contratto di affitto come abitazione principale. L’unità immobiliare presa in affitto da giovani di età compresa tra i 20 e 30 anni, da destinare a propria abitazione principale, è soggetta a detrazione  se uno dei due inquilini è in possesso dei requisiti anagrafici e reddituali richiesti per accedere a tale beneficio economico. Per poter beneficiare di tale agevolazione è necessario rispettare alcuni precisi requisiti quali: l’abitazione deve risultare affittata, quindi deve essere differente da quella dei genitori; l’età, questo vincolo può essere adempiuto anche se ricorre solo per una parte del periodo di imposta, in cui si ha diritto alla detrazione. Per quanto riguarda l’importo detraibile esso è pari a 991,60 euro, e spetta per i primi 3 anni di locazione, a patto però che il reddito complessivo non sia superiore a 15.493,71 euro. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di https://www.idealista.it/news/finanza/casa/2017/04/19/122775-detrazione-canoni-locazione-giovani-20-30-anni-ecco-cosa-dice-la-legge. Continue reading

    Published by:
  • Contributo affitto: integrazione del canone di locazione

    Contributo affitto: di cosa si tratta

    Da qualche anno il Ministero dei Lavori Pubblici ha istituito un fondo nazionale per il sostegno delle famiglie che sono sotto sfratto e non riescono a pagare l’affitto si tratta del cossiddetto contributo affitto che permette di offrire un sostegno, per provvedere a pagare il canone di locazione. Ogni anno le risorse disponibili in questo specifico fondo economico vengono ripartite tra le Regioni su proposta del Ministro dei Lavori pubblici e dal CIPE (Comitato Interministeriale Programmazione Economica) e poi assegnate ai vari Comuni, i quali a loro volta hanno l’onere si stabilire le modalità di erogazione dei contributi pubblicando dei periodici bandi pubblici nei quali vengono definiti i requisiti dei conduttori che possono usufruire di questa forma di agevolazione. Questo sussidio economico viene erogato attraverso un Fondo Morosità Incolpevole a quei soggetti che soddisfano una serie di requisiti, ed infatti è necessario il pieno rispetto delle modalità di partecipazione. Per poter richiedere il contributo affitto si deve compilare l’apposita domanda che consiste in un modello predisposto dal Comune, che permette di dichiare il possesso dei requisiti previsti dal bando quali: attestazione ISEE  in corso di validità con valore ISE non superiore a 28.470,83 euro, con ISEE non superiore ai 16.500,00 euro. Altre notizie su: http://www.comune.signa.fi.it/schede/societa-della-salute/contributi-sociali/scheda.2006-05-18.6036485437. Continue reading

    Published by:
  • Leasing operativo: caratteristiche

    Leasing operativo: caratteristiche

    Si parla di leasing operativo quando si stipula un contratto tra un intermediario finanziario e l’utilizzatore finale il quale per il suo uso paga un canone periodico, grazie a tale accordo si concede in locazione al conduttore un bene senza che ne divenga proprietario. Un contratto di leasing operativo viene stipulato dal concedente e l’utilizzatore in presenza di una precedente convenzione tra la società concedente ed il fornitore del bene per definire l’oggetto del contratto; in genere sono oggetto di tale forma di contratto i beni strumentali aventi caratteristiche standardizzate congiuntamente a dei servizi collaterali. Con questa tipologia di accordo quindi il fornitore si attribuisce anche la funzione di concedente, poiché dispone del bene oggetto del contratto oppure perché ha la possibilità di realizzarlo nell’ambito della propria attività imprenditoriale. Viene meno il concetto di proprietà del bene per l’impresa in favore del concetto di redditività: i fornitorisono propensi sempre più spesso a proporre insieme ai beni, un servizio di manutenzione ed assistenza a fronte di un pagamento che fa ottenere un ritornosuperiore a quello della vendita del solo cespite. Questo prodotto è diventato un tipo di sostegno dal punto di vista finanziario per i produttori che possono concedere un noleggio ai clienti senza dover impegnare considerevoli risorse finanziarie. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: http://www.notaio-busani.it/it-IT/leasing-operativo.aspx. Continue reading

    Published by:
  • Locazione finanziaria come funziona

    Locazione finanziaria come funziona

    In base alle recenti puntualizzazioni fornite dal punto di vista normativo è stata diffusa una più precisa definizione di locazione finanziaria (leasing finanziario), con lo scopo principale di regolare le conseguenze legata alla risoluzione del contratto dovute eventualmente a casi di inadempimento da parte di colui che utilizza il bene locato. In base alla definizione fornita si può identificare la locazione finanziaria in un contratto in base al quale “la banca o l’intermediario finanziario iscritto nell’albo di cui all’art. 106 del Testo Unico di cui al Decreto Legislativo 1.9.1993, n. 385, si obbliga ad acquistare o a far costruire un bene su scelta e secondo le indicazioni dell’utilizzatore, che ne assume tutti i rischi, anche di perimento, e lo fa mettere a disposizione per un dato tempo verso un determinato corrispettivo che tiene conto del prezzo di acquisto o di costruzione e della durata del contratto. Alla scadenza del contratto l’utilizzatore ha diritto di acquistare la proprietà del bene ad un prezzo prestabilito, ovvero, in caso di mancato esercizio del diritto, l’obbligo di restituirlo”. Per approfondimenti su tale argomento si rimanda alla lettura dell’articolo: http://www.altalex.com/documents/news/2017/12/27/la-locazione-finanziaria-dopo-la-legge-sulla-concorrenza. Continue reading

    Published by:
  • Verbale di riconsegna contratto di locazione

    Verbale di riconsegna contratto di locazione

    Al termine della durata del contratto di locazione abitativa è bene stilare un  verbale di riconsegna del bene immobiliare, si tratta di una scrittura privata che deve essere stipulata tra proprietario ed inquilino. Sia alla consegna che alla riconsegna dell’immobile è fondamentale prestare attenzione al buono stato di manutenzione del bene in affitto, in questo modo l’inquilino può beneficiare di un bene immune da vizi che lo rendano inutilizzabile per la sua destinazione abitativa. La valutazioe dello stato manutentivo ha lo scopo di garantire “le finalità di godimento che hanno indotto la parte conduttrice a prendere in locazione l’immobile “. Il bene oggetto del contratto di locazione deve rispettare il concetto di buono stato manutentivo che riguarda la corretta valutazione di ogni elemento anche in relazione al tipo di fabbricato dove si inserisce la stessa unità immobiliare oggetto della locazione. Per evitare poi eventuali contestazioni al momento della riconsegna del bene immobiliare ricevuto in locazione, si raccomanda che venga redatto un verbale di riconsegna: in questo documento è opportuno descrivere le condizione possedute dall’appartamento nel momento in cui si è concluso il rapporto di locazione. Maggiori notizie su: https://www.laleggepertutti.it/54274_affitto-la-consegna-dellimmobile-vizi-guasti-e-verbale-di-consegna. Continue reading

    Published by:
  • Causa della transitorietà

    Causa della transitorietà

    Nei contratti di natura transitoria deve essere specificata la causa della transitorietà con dichiarazione che deve essere fornita attraverso l’apposita documentazione che deve essere allegata al contratto di locazione dalla durata superiore ai 30 giorni. Devono essere espresse dunque le motivazioni che spingono locatore e conduttore a fare affidamento a questa forma di accordo di locazione dalla breve durata, i soggetti coinvolti nella transitorietà devono fare riferimento al testo del contratto che viene stipulato nel Comune interessato. Assume grande centralità la stessa motivazione che spinge i contraenti a legittimare il contratto di locazione transitorio, l’assenza del riferimento alla reale esigenza transitoria del locatore o dell’inquilino, o di entrambi, potrebbe rappresentare la trasgressione del valore legale relativo ai contratti di locazione. Tra le cause che giustificano la transitorietà possono venir segnalate le seguenti motivazioni: la mobilità lavorativa (trasferimento temporaneo per motivi di lavoro), l’esercizio di un apprendistato per un breve arco di tempo, gli impegni di studio, la formazione professionale, l’aggiornamento, la ricerca di soluzioni occupazionali. Per maggiori informazioni su tale argomento si rimanda alla lettura di: http://www.cedolaresecca.net/contratti/contratti-transitori/contratto-locazione-transitorio.html. Continue reading

    Published by: