Contratto di locazione ad uso abitativo transitorio e altre forme

Le diverse forme del contratto di locazione ad uso abitativo transitorio

Il contratto di locazione ad uso abitativo transitorio può essere stipulato in diverse forme che però devono specificare la natura della transitorietà che secondo la legge non può essere minore ad un tempo di diciotto mesi. La transitorietà di una locazione deve essere motivata anche per il locatore stesso, ad esempio la casa dopo il periodo di affitto breve diventerà luogo abitativo per sé stesso e il figlio, o altro. Quando il contratto di locazione transitoria è stipulata per studenti, e soprattutto studenti stranieri, ad esempio erasmus, è importante innanzitutto avvisare le sede competenti di sicurezza dell’inquilino in arrivo, per motivi di sicurezza è un adempimento importante. Il contratto transitorio deve specificare che l’abitazione è per studenti e li deve identificare inserendo il nome dell’università o del luogo di formazione che si sta frequentando. Il contratto di locazione ad uso abitativo transitorio per studenti e lavoratori segue le condizioni del canone concordato tra le associazioni di categoria, le rappresentanze sociali degli studenti e dei lavoratori, le associazioni di inquilini.

Uso foresterie, accoglienza turistica e comodato d’uso

contratto di locazione ad uso abitativo transitorio

contratto di locazione ad uso abitativo transitorio

Ricordiamo che l’abitazione con contratto di locazione ad uso abitativo transitorio è diverso dall’abitazione in una struttura turistica finalizzata al turismo, le condizioni contrattuali cambiamo, perché in questo caso ci troviamo di fronte ad un servizio offerto da una struttura commerciale ricettiva, quindi la contrattualizzazione è diversa e diventa soprattutto importante la ricevuta fiscale finale e la modalità di regolamentazione ad esempio della somma di cauzione anticipata.
Per uso foresteria si intende un tipo di locazione transitoria e di accoglienza che segue un modello di contrattazione e stipula completamente libero, non trova disciplina all’interno dei regolamenti della locazione, ma all’interno del codice civile, riferimento articoli 1571 e successivi. Il contratto di locazione ad uso foresteria è stato legittimato per le società e i datori di lavoro che concedo ai propri dipendenti un appartamento per vivere per poco tempo o per tanto tempo che non deve comunque superare i trenta anni.

Lascia il tuo commento

*