Contratto locativo identificazione del bene immobiliare

Comment

Contratto di locazione ad uso abitativo
Pubblicità

Contratto locativo identificazione del bene immobiliare

Un elemento che deve essere indicato nel contratto locativo è l’oggetto ossia l’identificazione del bene immobiliare che consiste nella segnalazione dei dati che permettono di individuare il bene messo in locazione. I dati per identificare un bene immobiliare sono rappresentati dall’indirizzo completo, con la precisazione di eventuale scala e piano, si deve inoltre indicare l’ubicazione nel comune di pertinenza, non devono poi mancare i dati catastali dell’immobile; completano questa sezione del contratto di locazione immobiliare riservato al bene locato anche la segnalazione dei locali e dei servizi presenti nell’unità immobiliare come la presenza di eventuali pertinenze e l’uso per cui viene ceduto in locazione. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo https://www.studiocataldi.it/guide_legali/locazioni/contratto-locazione.asp.

Pubblicità

Perché si devono indicare i dati catastali dell’immobile nel contratto di locazione

contratto locativo identificazione del bene immobiliare

contratto locativo identificazione del bene immobiliare

L’Agenzia delle Entrate invita ad indicare nel contratto di locazione di un immobile messo in affitto i dati catastali che identificano lo stesso immobile, questa segnazione è diventata obbligatoria a partire dal 1 luglio 2010 mediante il protocollo n. 83561/2010 dell’Agenzia delle Entrate e con la propagazione della circolare n. 2/2010 quale applicazione del decreto legge n. 78 del 2010; tale obbligo è stato poi esteso anche ai casi di: cessione, risoluzione, proroghe dei contratti locativi. Le parti interessate prima di procedere con la firma del contratto devono verificare la pertinenza dei dati catastali del bene immobiliare oggetto del contratto, per effettuare la verifica la regolarità dei dati catastali, è necessario richiedere la visura catastale per immobile, in alternativa può essere richiesta una visura catastale per soggetto indicando i dati catastali del proprietario del bene immobiliare. Si ottengono in questo modo i dati catastali correnti dell’immobile che devono essere anche riportati nel contratto di locazione, si tratta di dati quali: comune ed indirizzo, foglio, particella o mappale, subalterno (se presente), destinazione di uso, superficie in metri quadri.

Pubblicità




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *