Nuovi criteri per la determinazione dei canoni di locazione: canone concordato

Comment

Contratto di locazione transitorio
Pubblicità

Nuovi criteri per la determinazione dei canoni di locazione: canone concordato

Nella contrattazione territoriale sono stati da poco introdotti dei nuovi criteri per la determinazione dei canoni di locazione, inoltre è stata aggiornata la modulistica da utilizzare per la stipula di questi contratti. I contratti concordati sono stati impostati con dei nuovi criteri generali che forniscono le condizioni per stipulare un contratto a canone concordato, tra i punti centrali è prevista una forma assistita secondo la quale le parti contrattuali, nella definizione del canone effettivo, possono essere patrocinate se lo richiedono dalle rispettive organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori.  In caso invece di contratti non assistiti, gli accordi devono indicare le modalità di attestazione segnalando gli elementi oggettivi dichiarati dalle parti interessate con assunzione di responsabilità da parte di almeno un’organizzazione firmataria dell’accordo, della conformità del contenuto economico e normativo del contratto all’accordo. Tra le novità che riguardano la determinazione dei canoni di locazione è prevista la regolamentazione degli accordi territoriali tra associazioni di proprietari ed associazioni dalla parte degli inquilini. In base a quanto sancito dal D.M. 16/01/2017 i nuovi criteri si devono applicare sia agli accordi territoriali sottoscritti nei comuni ad alta tensione abitativa sia a quelli sottoscritti negli altri comuni. Per altre notizie si rimanda alla lettura di http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2017/03/30/affitti-novita-del_iRJ2MMu9c9f9oaFqGxbhlN.html.

Pubblicità

Modulistica contratti canone concordato

nuovi criteri per la determinazione dei canoni di locazione

nuovi criteri per la determinazione dei canoni di locazione

Per quanto riguarda la modulistica da adoperare per la sottoscrizione dei contratti di locazione in esame bisogna utilizzare il modello relativo al tipo di contratto allegato A al D.M. 16/01/2017, va poi precisato che gli adeguamenti del canone, non potranno essere superiori al 75% della variazione dell’indice ISTAT. La modulistica da utilizzare per i contratti di locazione di natura transitoria (di durata non superiore a 18 mesi e che rispondono a particolari esigenze dei proprietari o dei conduttori) in questo caso devono essere redatti utilizzando il tipo di contratto allegato B al D.M. 16/01/2017. Invece i contratti per studenti universitari devono essere redatti esclusivamente utilizzando il tipo di contratto allegato C al D.M. 16/01/2017.

Pubblicità




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *