• Cedolare secca affitti immobili commerciali

    Pubblicità

    Cedolare secca affitti immobili commerciali

    Dal primo gennaio 2019, il regime agevolato viene esteso anche ai locali commerciali attraverso l’applicazione della cedolare secca affitti immobili commerciali. Da quanto previsto dalla legge di Bilancio 2019 è stata proposta la cedolare secca al 21% anche per i canoni di locazione relativi agli immobili ad uso commerciale a patto però che vengano rispettati dei precisi requisiti. In pratica si ha la possibilità di usufruire del regime agevolato della cedolare secca rispetto al regime ordinario, in base al quale il reddito fondiario concorre ai fini dell’Irpef, nel caso in cui i contratti di locazione commerciale risponono ai seguenti requisiti: vengono stipulati nell’anno 2019; il bene immobiliare in affitto deve possedere una superficie fino a 600 mq, escluse le pertinenze e relative pertinenze locate congiuntamente; le unità immobiliari coinvolte devono essere classificate nella categoria catastale C/1. Si deve specificare che tale regime agevolato non può essere applicato ai contratti stipulati nel 2019 ma per i quali al 15 ottobre 2018 sia in essere un contratto non scaduto tra i soggetti che hanno stipulato l’accordo di affitto in relazione allo stesso immobile, per il quale si sospende la naturale scadenza per poter avere accesso al regime agevolato. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.fiscoetasse.com/rassegna-stampa/25876-cedolare-secca-per-gli-immobili-commerciali-nella-legge-di-bilancio-2019.html. Continue reading

    Published by:
  • Tipo di locazione short lets

    Tipo di locazione short lets

    La locazione di case vacanze e di appartamenti in affitto turistico gestiti in forma non imprenditoriale da parte di privati per brevi periodi si definisce in inglese short lets o selfcatering apartments (appartamenti con uso cucina). La locazione turistica può verificarsi in forma non imprenditoriale nel caso in cui si affitta fino a un massimo di tre unità ed in maniera non continuativa ossia non più di 270 giorni l’anno. Questa tipologia di affitti brevi si è imposta anche nel nostro Paese rappresentando una forma di ricezione alternativa alle strutture Bed & Breakfast, in genere si tratta di piccole case individuali oppure di appartamenti mono o bilocali messi in affitto per una breve durata agli ospiti a tariffe convenienti. Negli ultimi dieci anni si è registrato un trend di crescita per quanto riguarda il numero di appartamenti in affitto breve che rispondono alla domanda di locazione turistica gestita da veri e propri portali e professionisti specializzati in short rent. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.ilsole24ore.com/art/casa/2018-07-30/affitti-brevi-case-dedicate-attivita-locazione-crescono-58percento-152827.shtml?uuid=AEZoJVUF. Continue reading

    Pubblicità




    Published by:
  • Affitto casa vacanze oneri burocratici

    Affitto casa vacanze oneri burocratici

    In caso di affitto casa vacanze è necessario assolvere a degli oneri burocratici a partire dalla tassazione, di fatto per quanto riguarda i ricavi ottenuti da questo tipo di affitto essi possono essere sottoposti a regime Irpef o a quello della cedolare secca. Per poter aprire una casa vacanze è indispensabile essere in possesso di una partita IVA, in quanto si svolge un tipo di attività imprenditoriale, quindi le entrate derivate allo svolgimento di questo tipo di attività devono essere riportate nella dichiarazione dei redditi. Il denaro che viene riscosso da chi affitta una casa vacanze per legge deve essere girato direttamente all’Agenzia delle Entrate a cui spetta il 21% di ogni transazione. Chi affitta  un immobile come casa vacanza è tenuto a tenere aggiornato il registro presenze per la Polizia di Stato, basta semplicemente effettuare la registrazione  sul portale che si occupa di tale tema, si devono inoltre comunicare regolarmente i dati personali dei propri ospiti entro 24 ore dal loro arrivo. Ci sono ulteriori obblighi che rientrano nel campo della burocrazia e che sono di competenza dei singoli Comuni o che assolvono a normative regionali è necessario in tal caso informarsi presso gli uffici competenti. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.ilsole24ore.com/art/casa/2018-05-17/le-5-regole-affittare–casa-le-vacanze-e-massimizzare-guadagni—192440.shtml?uuid=AExceCqE. Continue reading

    Published by:
  • Tassazione agevolata locazioni di negozi

    Tassazione agevolata locazioni di negozi

    Una delle possibili novità inserite nella Legge di Bilancio 2019 prevede l’estensione della cedolare secca agli affitti commerciali introducendo così una forma di tassazione agevolata per le locazioni di negozi. L’applilcazione della cedolare secca al 21% oppure al 10% nel caso degli affitti di negozi è una misura richiesta da Confedilizia, che da anni cerca di chiede di uguagliare le regole previste per affitti ad uso abitativo a quelle che riguardano la locazione di tipo commerciale. A partire dal 1° gennaio 2019 sarà estesa anche la cedolare secca al 10% in caso di contratti a canone concordato; i proprietari di immobili locati ai fini abitativi possono optare per la cedolare secca sugli affitti 2019 che offre la possiblità di avvalersi di una tassazione forfettaria con aliquota al 10% oppure al 21% dei canoni percepiti. Prima di tutto i proprietari che possono optare per la tassazione sostitutiva Irpef del 10% o del 22% possono risparmiare sulle imposte, contrastando al tempo stesso il fenomeno degli affitti in nero; nello specifico questa novità interesserà i proprietari di immobili locati come negozi, magazzini e in genere locali commerciali. Per altre notizie si rimanda alla lettura di: https://www.homeintermediazioni.com/legge-di-bilancio-2019-cedolare-secca-anche-per-affitti-commerciali-confedilizia-favorevole/. Continue reading

    Published by:
  • Contratti di locazione clausole vessatorie

    Contratti di locazione clausole vessatorie

    Per poter stipulare dei contratti di locazione validi è necessario procedere con una redazione scritta, prevedendo la presenza di alcune clausole vessatorie, si tratta di alcune condizioni inserite in un contratto tra due parti che risultano svantaggiose per la parte più debole ossia per l’inquilino. Non si devono considerare vessatorie le clausole che fanno riferimento alle disposizioni previste dalla legge, mentre risultano essere vessatorie le clausole che stabiliscono dei divieti e dei vincoli, come nel caso delle seguenti voci: limitazioni di responsabilità, rinnovazione del contratto, facoltà di recedere dal contratto, possibilità di sospendere l’esecuzione in favore di chi le ha predisposte, limitazioni alla facoltà di opporre eccezioni, tacita proroga. A queste si aggiungono poi le clausole compromissorie e quelle che prescrivono delle deroghe alla stessa competenza dell’autorità giudiziaria. Per legge, le clausole vessatorie non hanno alcun effetto se non vengono accettate per iscritto con la doppia firma, anche se il resto del contratto rimane valido. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di: https://www.studiocataldi.it/articoli/24789-le-clausole-vessatorie-nel-contratto-di-locazione.asp. Continue reading

    Published by:
  • Affitto breve CleanBnB

    Affitto breve CleanBnB

    Negli ultimi anni il settore immobilare relativo all’affitto breve ha registrato un aumento di redditività abbastanza considerevole grazie soprattutto all’entrata in scena di CleanBnB, la startup ideata nel 2016 da Tatiana Skachko. Dopo solo qualche anno di attività CleanBnB è riuscita a conquistarsi un posto importante nella lista dei player italiani che si occupano di locazioni di breve durata su tutto il territorio nazionale, applicando con successo la formula differenziata di servizio associato a strutture accoglienti che rivelano la propria personalità. La startup mette a disposizione un piano di offerte capaci di rispondere alle domande delle principali città attraverso due principali tipi di offerte: il Pacchetto Full, il quale fornisce un servizio completo, includendo nel pacchetto la gestione operativa del soggiorno, gli adempimenti burocratici e la copertura assicurativa; il Pacchetto Base, che si rivolge prima di tutto alle località turistiche, proponendo una gestione della visibilità del bene immobiliare soggetto a locazione, flusso di prenotazioni e revenue management. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di https://www.impresamia.com/startup-cleanbnb-affitti-brevi-italia-e-boom-e-la-gestione-dellimmobile-diventa-facile-e-innovativa/. Continue reading

    Published by:
  • Sostenibilità edilizia: le misure in ambito immobiliare

    Sostenibilità edilizia: le misure in ambito immobiliare

    Con lo scopo di massimizzare il comfort e la sicurezza è stata intrapresa da parte dei proprietari di beni immobiliari ad uso abitativo la strada della sostenibilità edilizia per rendere anche più appetibili gli appartamenti in affitto. Tra le principali misure adottate vi è il processo di efficientamento dei consumi energetici attraverso l’applicazione delle nuove norme sul risparmio energetico degli edifici, senza trascurare la sensibilizzazione nei confronti delle tematiche ambientali. L’efficienza energetica è diventa attualmente una tematica importante, visto che costituisce uno dei parametri principali nella definizione della qualità di un edificio garantendo un grado di sicurezza domestica più alto. Tra gli interventi che permettono di ridurre di gran parte i consumi energetici ci sono diverse misure da eseguire sulle componenti statiche di un bene immobiliare intervenendo su elementi quali: involucro, aperture, copertura; accanto a queste opere edilizie hanno preso piede anche i lavori di miglioramento che interessano le parti attive di un edificio e che richiedono il ricorso a delle innovazioni tecnologiche di ultima generazione. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.idealista.it/news/finanza/casa/2018/09/18/127764-edilizia-green-scenari-immobiliari-la-casa-in-classe-a-vale-di-piu-in-periferia-negli-affitti. Continue reading

    Published by:
  • Contratto di affitto fittizio

    Contratto di affitto fittizio per stranieri

    Una pratica che si è diffusa anche in Italia è quella relativa alla stipulazione di un contratto di affitto fittizio per ottenere la residenza, i cittadini stranieri hanno infatti l’obbligo di iscrizione anagrafica qualora risiedano stabilmente nel territorio italiano. La presentazione di regolare contratto di locazione di un immobile, costituisce una condizione necessaria per gli immigrati di assicurarsi la regolarizzazione sul territorio nazionale, è necessario dimostrare di essere in possesso di una dimora stabile. Il legislatore ha stabilito che per ottenere la residenza anagrafica si deve risiedere in un ibbobile regolarmente, il requisito del domicilio è indipendente dalla tipologia di immobile: la natura dell’alloggio non costituisce una discriminante per poter procedere con l’iscrizione anagrafica. L’anagrafe ha il compito di evidenziare la presenza stabile sul territorio comunale dei soggetti stranieri, i quali spesso finiscono tra le maglie di figure losche che assicurano dei contratti di locazione di natura fittizia con lo scopo di assicurarsi la garanzia per ottenere la residenza. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.lenius.it/residenza-fittizia-virtuale/. Continue reading

    Published by:
  • Garanzia d’affitto fideiussione

    Garanzia d’affitto fideiussione

    Il soggetto sul punto di firmare un contratto di locazione può vedersi richiedere dal locatore una garanzia d’affitto come nel caso della fideiussione bancaria, che consiste in una forma di protezione che viene emessa dalla banca o da una compagnia assicurativa che tutelano il proprietario di casa dai rischi di insolvenza da parte dell’inquilino, ma solo per un determinato lasso di tempo coprendo una precisa somma di denaro. Si tratta di una garanzia non onerosa per l’inquilino, che non si troverà nella condizione di ricorrere a delle pratiche troppo costose di fideiussioni, mentre il proprietario può sentirsi protetto grazie ad una garanzia assoluta ed un pronto cassa che subentra in caso di morosità. Per poter proporre una completa tutela per entrambi i soggetti interessati, le fideiussioni devono coprire la durata del contratto di locazione ed un importo garantito compreso tra i 6 ed i 12 mesi.  Maggiori notizie si trovano su: https://www.idealista.it/news/forum/affitto/77797-come-funziona-la-fideiussione-sugli-affitti. Continue reading

    Published by:
  • Home staging per valorizzare le proprietà immobiliari

    Home staging per valorizzare le proprietà immobiliari

    I proprietari di casa possono servirsi di diversi strumenti che permettono di ridurre i tempi di vendita di un immobile senza abbassare la richiesta economica oppure di favorire la locazione, tra questi strumenti si è imposto anche in Italia l’home staging. Il termine si traduce letteralmente scomponenolo nelle due parole inglesi “home” (casa) e “stage” (palcoscenico) e consiste nel “mettere in scena” un bene immobiliare che così può essere mostrato al pubblico al massimo delle sue potenzialità. Questo intervento di marketing è stato inventato negli anni Settanta da Barb Schwarz, un’agente immobiliare americana che aveva capito l’importanza dell’allestimento di una casa in modo da fare una prima impressione positiva sin da subito sui potenziali acquirenti. Questo meccanismo di marketing ddi tipo immobiliare ha come obiettivo quello di promuovere la vendita oppure la locazione immobiliare cercando di sfruttare un breve lasso di tempo perché una rapida vendita offre alcuni vantaggi importanti: si ha la possibilità di risparmiare sulle tasse, sulle bollette e spese condominiali; non si deve abbassare il prezzo. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.idealista.it/news/etichette/cose-lhome-staging. Continue reading

    Published by: