Registrazione tardiva del contratto di locazione

Comment

Contratto di locazione ad uso abitativo
Pubblicità

Registrazione tardiva del contratto di locazione

Se non si registra il contratto di affitto entro i trenta giorni previsti dalla legge si può comunque provvedere a mettersi in regola sopperendo alla conforme registrazione tardiva del contratto di locazione ad uso abitativo. Se si regolarizza la propria posizione anche dopo il termine previsto si dovrà far fronte alle relative sanzioni previste per il ritardo di tale adempimento fiscale. In base a quanto sancito dall’ordinanza no. 20858 della VI Sezione Civile della Corte di Cassazione è stato stabilito che la registrazione, avvenuta anche dopo i 30 giorni, ha effetto retroattivo e permette di ristabilire il contratto di locazione sin dal suo avvio. La normativa tributaria per contrastare l’evasione fiscale rende ammissibile la registrazione tardiva del contratto di locazione ad uso abitativo, con lo scopo anche di mantenere stabili gli effetti negoziali voluti da entrambe le parti interessate. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di https://blog.mioaffitto.it/2019/affitto/registrazione-tardiva-contratto-di-locazione-ad-uso-abitativo/.

Pubblicità

Sanzioni e termini di tempo

Registrazione tardiva del contratto di locazione

Registrazione tardiva del contratto di locazione

Qualora il contratto non venga registrato dopo i 30 giorni stabiliti dalla legge, gli inquilini dovranno regolarizzare la loro posizione attraverso la registrazione e pagando le relative sanzioni. In caso di registrazione tardiva del contratto si dovranno pagare allo Stato le sanzioni tributarie per coprire l’evasione fiscale verificatasi fino al momento della regolarizzazione dell’adempimento. Il soggetto può mettersi in regola grazie al ravvedimento operoso, pagando una multa ridotta rispetto a quella ordinaria; nel caso di sanzione ordinaria si può raggiungere il massimo del 240% dell’imposta da versare, ma esistono dei casi che prevedono una possibile diminuzione. Le riduzioni si possono ottenere se la registrazione tardiva del contratto di locazione avviene entro i 30 giorni dopo il termine con applicazione di una sanzione ridotta al 6% del minimo; nel caso di registrazione eseguita con un ritardo massimo di 90 giorni dalla scadenza del termine, la sanzione risulterà ridotta al 12% del minimo. Tra gli altri casi di riduzione della sanzione figurano le seguenti evenienze: registrazione tardiva entro un anno con sanzione ridotta al 15%; registrazione tardiva entro due anni con sanzione ridotta al 17,14%; registrazione tardiva dopo due anni con sanzione ridotta al 20%; registrazione tardiva dopo la scoperta della violazione con sanzione ridotta al 24%.

Pubblicità




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *